L'acquisto di un'automobile usata richiede il disbrigo delle pratiche per il passaggio di proprietÓ dal venditore all'acquirente, pena sanzioni amministrative e il ritiro della carta di circolazione.á

Per procedere alla registrazione del passaggio di proprietÓ ci si pu˛ rivolgere allo Sportello Telematico dell'Automobilista del PRA o della Motorizzazione Civile o in alternativa recarsi presso un'agenzia di pratiche auto incaricandola di seguire l'iter burocratico.

La documentazione richiesta per registrare il passaggio di proprietÓ Ŕ costituita da una fotocopia fronte e retro del certificato di proprietÓ dell'auto (o foglio complementare), dall'atto di vendita e da una fotocopia del libretto di circolazione. L'acquirente deve, inoltre, presentare un proprio certificato di residenza (o una dichiarazione sostitutiva) e la fotocopia di un documento d'identitÓ, quest'ultima richiesta anche al venditore.

Vi sono poi situazioni particolari nelle quali sono necessari altri documenti; ad esempio nel caso in cui l'acquirente sia rappresentato da una personalitÓ giuridica (poniamo un'azienda) occorre il certificato della camera di commercio o una dichiarazione sostituiva con la quale il suo legale rappresentante ne certifichi la sede.

Se, invece, il compratore Ŕ un cittadino extracomunitario egli Ŕ tenuto a presentare una fotocopia del permesso di soggiorno e, qualora questo fosse scaduto, la copia del permesso con allegata la richiesta del rinnovo. á

Per procedere al passaggio di proprietÓ di un'auto ricordiamo, infine, che l'acquirente Ŕ tenuto a pagare diversi tributi come l'imposta provinciale di trascrizione, l'imposta di bollo per la registrazione al PRA e quella per l'aggiornamento della carta di circolazione, gli emolumenti ACI e i diritti DTT.